Città di CATANZARO

Capoluogo della Regione Calabria

URP

Via Jannoni tel. 0961 881398 numero verde 800574323
fax 0961 881398
e-mail: urp@comunecz.it
PEC: urpcz@certificata.comune.catanzaro.it
Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13,00
lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

Il Comune
    Palazzo De Nobili via Iannoni, 68
    88100 CATANZARO
    P. Iva 00129520797
L'evento si terrà dal 15/07/2014 00/00/0000

Processione Festa di San Vitaliano

 

I fedeli di Catanzaro sono legati profondamente al santo, che è Patrono della città, invocato particolarmente in difesa contro pubbliche calamità e nei terremoti. Ogni anno si celebra la festa patronale il giorno 16 luglio, preceduta da un novenario di preghiere e di predicazione. I sacerdoti di tutta l'Arcidiocesi si radunano in tale occasione per rendere omaggio al Santo e scambiare il bacio di pace con l'Arcivescovo che celebra la Messa, cui prendono parte — come nella processione delle reliquie nel pomeriggio — tutte le autorità cittadine e provinciali. Prima dell'attuale riforma liturgica ogni anno si celebrava in onore del santo anche la festa del patrocinio, fissata alla domenica in albis, a ricordo della protezione accordata ai cittadini nel terremoto del 1783. Grandi feste furono celebrate a Catanzaro nel 1922 per commemorare l'ottavo centenario dell'arrivo delle reliquie del Santo. Esse furono onorate dalla presenza di vari vescovi e in modo particolare del Cardinale Camillo Laurenti che, assecondando i voti dell'arcivescovo mons. Fiorentini, e di tutta la cittadinanza, rese memorando l'avvenimento e contribuì a ravvivare il culto di tanti secoli reso da Catanzaro al suo Patrono celeste. Nella storica visita del 6 ottobre 1984, il Papa Giovanni Paolo II, ha sostato in preghiera nella Cappella del Santo Patrono. La processione si svolge per le vie del centro storico dove il busto argenteo del Santo viene portato in processione per poi ritornare nella Cattedrale dove viene officiata la messa. Al termine del rito religioso i catanzaresi rendono omaggio al loro Santo Patrono, prostrandosi davanti al busto argenteo, che solo in questa occasione dell'anno viene spostato dalla sua cappella.