Città di CATANZARO

Capoluogo della Regione Calabria

URP

Via Jannoni tel. 0961 881398 numero verde 800574323
fax 0961 881398
e-mail: urp@comunecz.it
PEC: urpcz@certificata.comune.catanzaro.it
Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13,00
lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

Il Comune
    Palazzo De Nobili via Iannoni, 68
    88100 CATANZARO
    P. Iva 00129520797

18 Aprile 2017 - Affidamento servizio distribuzione gas metano, Elia scrive a Abramo e Sica

Il presidente del Comitato paritetico dell’Atem Catanzaro - Crotone, il consigliere comunale Giulio Elia, ha scritto al sindaco Sergio Abramo e al responsabile dell’Anticorruzione di Palazzo De Nobili, il segretario generale Vincenzina Sica, “accendendo” i riflettori sull’ATEM CZ – KR per salvaguardare gli unici aspetti fondamentali della gara di appalto in itinere. Di seguito si riporta il testo integrale della nota che ha ad oggetto la gara per l’affidamento del servizio di distribuzione del gas metano: 

“I numeri dell’ATEM Catanzaro - Crotone ci dicono che il bando di gara di cui all’oggetto riguarda una popolazione di 543.202 abitanti al 2010, 107 comuni,  una lunghezza rete di distribuzione gas metano pari a 1.385 Km, 98.516 contatori, oltre 70.947 metri cubi di gas metano distribuito  ogni anno, per cui si determina un valore complessivo della gara per l’affidamento del servizio di distribuzione gas metano a circa 150 milioni di euro con scadenza imminente a giugno 2017.

Il rapporto sullo “Stato Gara ATEM CZ–KR” elaborato ad ottobre 2016 dal Comitato Paritetico Italgas–Comune di Catanzaro, da me presieduto e costituito per la parte comunale dai consiglieri Lorenzo Costa, Antonio Corsi e Sergio Costanzo, rilevava un ritardo di oltre due mesi rispetto agli adempimenti da compiere entro il 31 dicembre 2016, in particolare:

  1. Creazione Rete Referenti Comuni ATEM.
  2. Individuazione Struttura Tecnica, interna e intersettoriale, di supporto al R.U.P.
  3. Raccolta ed elaborazione dati di propria competenza.
  4. Individuazione Supporto Tecnico Esterno per elaborazione Linee Guida e Documento per il Piano di Sviluppo Minimo della rete distribuzione gas metano.
  5. Sottoscrizione della Convenzione da parte dei Sindaci  dei due/terzi dei 107 Comuni facenti parte dell’ATEM.

Ad oggi, aprile 2017, nulla è stato fatto e si sono accumulati ulteriori ritardi che hanno vanificato gli effetti benefici degli adempimenti finora assolti e che produrranno la scadenza dei termini per l’emissione del bando di gara, giugno 2017, e conseguente diffida e commissariamento da parte della Regione Calabria per l’espletamento della gara.

Infatti, risulterebbe penalizzante in termini di benefici economici, ovvero minori corrispettivi per gestione rete ed affidamento servizio, per le casse di tutti i Comuni interessati, calcolare la valutazione delle reti con dati forniti dalle attuali Società di Gestione, Italgas Reti spa (ex-ENI) e 2i Rete Gas spa (ex-ENEL), e relativi al 2015 e, pertanto, occorre richiedere alle stesse i dati aggiornati  al 2016.

Altri adempimenti urgenti e fondamentali riguardano l’iscrizione nel bilancio comunale del valore della rete di proprietà comunale e la determinazione dei Km di rete e delle superfici di suolo pubblico occupate da cabine di prelievo e gruppi di riduzione, che ci consentiranno di  ottenere ingenti somme annue in euro per corrispettivi di servizio e Tosap.

I ritardi e le inadempienze su evidenziate pare che non destino nessuna preoccupazione per l’amministrazione comunale, tanto che l’unica occupazione prevalente in questo momento riguardi l’utilizzo degli oneri di gara che consistono in circa € 470.000, di cui il R.U.P. ha già chiesto l’anticipazione del 90%, somma che sarà accreditata a breve nelle casse comunali subito dopo l’approvazione del bilancio 2017 prevista per fine corrente mese di aprile.

In merito all’utilizzo regolare e trasparente di tali somme ritengo sia utile ricordare che:

  1. Prima della sottoscrizione della Convenzione da parte dei Sindaci  dei due/terzi dei 107 Comuni facenti parte dell’ATEM il Comune di Catanzaro, in quanto Comune Capofila e Stazione Appaltante,  potrà utilizzare, rispettivamente, soltanto il 90% di € 109.000 circa per lo volgimento delle proprie funzioni locali e di € 120.000 per oneri gara, quali pubblicazione – commissione gara – spese interne – consulenze e altri oneri.
  2. A Convenzione sottoscritta prima di utilizzare le somme disponibili, circa € 241.000, si dovrà concordare ogni atto con tutti gli altri comuni dell’ATEM, in particolare il Comune di Lamezia Terme, che dispone di un rimborso di circa € 56.000, il Comune di Crotone circa € 50.000, Soverato circa € 14.500 e Cutro circa € 12.000.
  3. I corrispettivi di cui sopra vanno usati con parsimonia e non sprecati, finalizzati esclusivamente allo svolgimento della gara e  all’affidamento del servizio per 12 anni, in quanto se la Stazione Appaltante non sarà in grado di espletare la gara, le somme utilizzate dovranno essere restituite e, in caso di esito positivo, qualora si verifichino risparmi e/o economie, le somme residue dovranno essere ripartite dal Comune di Catanzaro fra i Comuni concedenti in misura proporzionale al numero dei contatori gas attivi di ciascun Comune concedente, così come individuati nei documenti di gara, senza escludere la possibilità di ridistribuirle ai cittadini utenti sotto forma di riduzione in bolletta.

Voci di “corridoio” dicono che il R.U.P. si stia apprestando ad affidare un incarico diretto sotto soglia a tecnico esterno e ad emanare un bando ad evidenza pubblica per individuare un supporto esterno per le funzioni locali e centralizzate e la determinazione del valore della rete, per cui ritengo necessario ricordare che:

  1. Il R.U.P. attuale è Dirigente di settore a tempo determinato con scadenza elettorale e dovrebbe prima provvedere agli adempimenti di cui ai punti 1) – 2) – 3) – 5) sopra riportati, nonché ad acquisire  dai gestori  i dati relativi al 2016, per poi determinarsi sui supporti tecnici esterni.
  2. Eventuali consulenti tecnici esterni non dovranno aver intrattenuto rapporti, a qualsiasi titolo, con Gestori, italiani e stranieri, del servizio di distribuzione  gas  o con altri enti o società a questi collegati.
  3. I soggetti ammessi all’eventuale bando ad evidenza pubblica dovranno, tra l’altro, avere svolto incarichi di collaudo tecnico amministrativo  di impianti di distribuzione rete gas, incarichi di CTU/CTP in procedure contenziose in merito alla determinazione del valore di rimborso di impianti di distribuzione rete gas,  avere svolto stime e valutazioni di impianti di servizi pubblici a rete nell’ultimo quinquennio dalla data di pubblicazione del bando.

Tutto ciò allo scopo di evitare la partecipazione al bando a società “fai da te”, magari allo scopo già localmente formate.

La presente è indirizzata alla Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza perché certamente fornita delle capacità di neutralizzare le cause di rischio ed evitare l’insorgenza delle stesse e perché, altrettanto certamente,  condivide quanto di recente affermato da Raffaele Cantone in materia di corruzione “è fondamentale la prevenzione”.

Ho voluto accendere i “riflettori” sull’ATEM CZ – KR per salvaguardare gli unici aspetti fondamentali della gara di appalto in itinere:

  1. Riduzione della tariffa gas metano per i cittadini utenti finali.
  2. Potenziamento, innovazione, sicurezza e, soprattutto, estensione delle reti gas metano esistenti nei 107 comuni della provincia Catanzaro–Crotone.

Possiamo portare il metano dove non c’è con spese a totale carico del gestore, che in trasparenza e libera concorrenza si aggiudicherà la gara. A Catanzaro potremo portare  il metano a Giovino, a Santo Ianni, a Santa Maria, a Contrada Guglia, a Gagliano e a Siano favorendo il progresso e il benessere dei nostri concittadini finora esclusi da questo essenziale servizio”.