Città di CATANZARO

Capoluogo della Regione Calabria

URP

Via Jannoni tel. 0961 881398 numero verde 800574323
fax 0961 881398
e-mail: urp@comunecz.it
PEC: urpcz@certificata.comune.catanzaro.it
Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13,00
lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

Il Comune
    Palazzo De Nobili via Iannoni, 68
    88100 CATANZARO
    P. Iva 00129520797

12 Febbraio 2018 - Pisano: Occupazioni abusive in viale Isonzo, integrazione con rom è impossibile

“Se una semplice famiglia che vive in un alloggio popolare in viale Isonzo 222 è costretta a non uscire mai di casa per non vedersi privata del proprio legittimo diritto alla casa significa che una integrazione con i rom in questa città è impossibile”. Lo afferma il consigliere comunale Giuseppe Pisano. “Da consigliere comunale e rappresentante delle istituzioni cittadine non posso limitarmi ad esprimere la mia vicinanza alla famiglia che, di rientro dopo una visita notturna in ospedale, ha avuto la terribile sorpresa di vedere la propria casa occupata abusivamente. Si è reso, dunque, necessario lo sgombero per restituire l’immobile agli aventi diritto, ma quanto successo deve essere oggetto di una riflessione condivisa. Viale Isonzo è ormai da tempo terra di nessuno dove niente è destinato a cambiare. La gente per bene che abita nel quartiere non può essere costretta all’angolo, a vivere in condizione di paura e di subalternità, ostaggio di continue sopraffazioni. La ricerca dell’integrazione e della pacifica convivenza si scontra, quindi, con la dura realtà. I rom a Catanzaro dimostrano di non volere essere “liberi e uguali”, parafrasando la bandiera ideologica di una certa sinistra che su questo tema continua ad alimentare delle favole lontane dai problemi quotidiani di un territorio che ha bisogno di sicurezza e legalità. C’è bisogno, quindi – conclude Pisano - di far sentire in maniera forte la presenza delle istituzioni e delle forze dell’ordine che, impegnate in controlli periodici contro gli abusivismi, non devono abbassare la guardia per difendere i diritti dei cittadini onesti soprattutto nelle “zone franche”.