Città di CATANZARO

Capoluogo della Regione Calabria

URP

Via Jannoni tel. 0961 881398 numero verde 800574323
fax 0961 881398
e-mail: urp@comunecz.it
PEC: urpcz@certificata.comune.catanzaro.it
Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13,00
lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

Il Comune
    Palazzo De Nobili via Iannoni, 68
    88100 CATANZARO
    P. Iva 00129520797

02 Marzo 2018 - Riccio: Inagibilita’ palestra comunale Plesso D’Orrico a Mater Domini, l’amministrazione cosa fa?

Nota del consigliere comunale Eugenio Riccio:

“Ho ricevuto da diversi genitori alcune segnalazioni in merito all’inagibilità della palestra comunale del Plesso “Laura D’Orrico”, scuola primaria dell’Istituto comprensivo Mater Domini. A causa delle infiltrazioni d’acqua dal tetto, lo spazio è stato interdetto ai bambini che non possono svolgere la normale attività sportiva durante l’orario scolastico o extrascolastico causando gravi disagi alle famiglie. Il Comune di Catanzaro, più volte sollecitato a risolvere definitivamente il problema, non ha dato finora risposte concrete, anche perché un intervento di piccola fattura, effettuato dalla Catanzaro Servizi, non è servito a rimettere in sicurezza la palestra. Ho presentato, dunque, un’interrogazione al sindaco per sapere quali sono i motivi ufficiali per cui gli uffici comunali non hanno finora predisposto un intervento risolutore atteso da tante famiglie residenti a Mater Domini. Inoltre, parlando in termini più generali, la problematica della sicurezza delle scuole e delle palestre di pertinenza comunale richiederebbe da parte dell’amministrazione un’attenzione ed un impegno sicuramente diverso, perché sono in gioco la salute e la sicurezza dei bambini. Ho l’impressione che la problematica non rappresenti una priorità per questa amministrazione e mi domando, quindi, se nel bilancio di previsione 2018/2020 sono stati previsti fondi e risorse per la messa in sicurezza delle scuole e delle palestre comunali. Per il sindaco Abramo, probabilmente, sono più importanti le centinaia di migliaia di euro stanziate per il Politeama”.