Città di CATANZARO

Capoluogo della Regione Calabria

URP

Via Jannoni tel. 0961 881398 numero verde 800574323
fax 0961 881398
e-mail: urp@comunecz.it
PEC: urpcz@certificata.comune.catanzaro.it
Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13,00
lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

Il Comune
    Palazzo De Nobili via Iannoni, 68
    88100 CATANZARO
    P. Iva 00129520797

07 Giugno 2018 - Capigruppo maggioranza: Cambio passo Oliverio è da apprezzare

Testo integrale della dichiarazione diramata dai capigruppo di maggioranza, Luigi Levato (Forza Italia), Ezio Praticò (Catanzaro da Vivere), Rosario Mancuso (Catanzaro con Abramo), Giuseppe Pisano (Officine del Sud) e Andrea Amendola (Obiettivo Comune): “Forza Italia non ha nemici da aggredire, ma solo avversari politici da stimolare e con cui – se è il caso - confrontarsi. Il nostro atteggiamento verso il presidente Oliverio non cambia: siamo e restiamo all’opposizione, là dove l’elettorato ci ha collocati nel 2014. Il cambio di passo del Governatore rispetto alle questioni del Capoluogo, sia pure tardivo, è da apprezzare. Siamo del parere che senza l’insistente e coerente azione di critica e di stimolo del centrodestra, e in particolare di Forza Italia, questa nuova condizione politica non si sarebbe creata. Si, non rinneghiamo di avere condotto una campagna forte, dura, incisiva, rigorosa contro i ritardi nel finanziamento del porto, contro le corsie preferenziali a favore di Cosenza, contro le inerzie rispetto al processo di integrazione delle Aziende ospedaliere e alla prospettiva di costruire il nuovo ospedale.Forza Italia e il centrodestra hanno dovuto supplire alla debolezza e all’inconsistenza dei gruppi consiliari del centrosinistra che non sono riusciti nemmeno ad accreditarsi validi interlocutori delle prerogative della città di Catanzaro. Comprendiamo l’imbarazzo e la difficoltà di chi si trova al Comune nello stesso schieramento politico del Presidente Oliverio nel vedersi “scavalcato” a sinistra da Forza Italia. La verità è che il sindaco Abramo e i consiglieri regionali Mimmo Tallini, Baldo Esposito e Wanda Ferro in questi mesi hanno saputo annodare rapporti politici nell’interesse della Città, senza farsi condizionare dalle appartenenze.Anche nei giorni delle battaglie più dure contro Oliverio, avevamo detto che saremmo stati pronti a riconoscergli meriti in presenza di atti significativi a favore del Capoluogo. E anche il Governatore ha saputo rimettersi in gioco, confrontandosi in maniera intelligente con esponenti di uno schieramento opposto al suo. Oliverio ha capito, sotto la spinta del centrodestra, che il processo di integrazione delle Aziende ospedaliere del Capoluogo non è più rinviabile. Nei tavoli promossi dal sindaco Abramo e dal commissario Scura, l’atteggiamento del delegato del presidente, Franco Pacenza, è stato serio e responsabile. Così come ha capito che non era possibile non finanziare un progetto di potenziamento del sistema metropolitano proposto dal Comune di Catanzaro. Quanto al porto, si sta cercando di recuperare il tempo perduto con lo spostamento del finanziamento dal Patto per il Sud ai PAC.Grazie alla capacità di mediazione di Mimmo Tallini, di Sinibaldo Esposito e del sindaco Abramo, si è giunti alla convocazione di questo Consiglio comunale straordinario che vedrà la firma dell’accordo di programma per i parcheggi e la mobilità del Capoluogo. La presenza del presidente Oliverio è una vittoria per l’intera Amministrazione comunale, non di una sola parte. I gruppi di opposizione, soprattutto quelli che si sono candidati a sostegno di Oliverio, dovrebbero solo interrogarsi sulla loro inconsistenza politica e sull’incapacità di avere un’interlocuzione con il presidente che essi stessi hanno contribuito ad eleggere.Noi non abbiamo alcuna intenzione di rinfocolare polemiche. Potremmo rivendicare al centrodestra la paternità dell’opera (la metropolitana è stata appaltata durante la passata legislatura), ma non servirebbe a nulla. A noi interessa solo che i catanzaresi e i calabresi, tra qualche anno, potranno salire sui treni della metropolitana, collegarsi velocemente dal mare al centro storico, utilizzando anche una serie di moderni parcheggi”.