Città di CATANZARO

Capoluogo della Regione Calabria

URP

Via Jannoni tel. 0961 881398 numero verde 800574323
fax 0961 881398
e-mail: urp@comunecz.it
PEC: urpcz@certificata.comune.catanzaro.it
Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13,00
lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

Il Comune
    Palazzo De Nobili via Iannoni, 68
    88100 CATANZARO
    P. Iva 00129520797

15 Marzo 2019 - Catanzaro con Abramo: Su Giovino linea concorde con quella del sindaco

“Riteniamo che i chiarimenti e le affermazioni del sindaco Sergio Abramo sulla questione di Giovino abbiano liberato il campo da ogni tipo di dubbio: su Giovino l’amministrazione comunale non ha nessuna intenzione di fare spazio a lottizzazioni e cementificazioni selvagge, né di scegliere di testa propria”.

Lo hanno detto i consiglieri del gruppo di Catanzaro con Abramo, Rosario Mancuso, Demetrio Battaglia, Enrico Consolante, Filippo Mancuso e Fabio Talarico. “Bene ha fatto il sindaco a sottolineare che il destino dell’area verrà concertato con tutte le parti politiche e sociali, insieme ai cittadini, alle associazioni e agli ordini professionali, in un convegno ad hoc che si terrà a Lido entro la fine del mese. Siamo in tutto e per tutto d’accordo con questa linea, la più razionale e autorevole possibile”.

I consiglieri hanno ribadito: “Siamo assolutamente consapevoli dell’importanza della fascia di territorio che abbraccia Giovino e Bellino, l’ultimo immacolato polmone verde della città. E per questo non possiamo che assicurare, una volta di più, il nostro completo sostegno alla scelta del sindaco Abramo: per Giovino non potrà passare nessuna scelta che non sia ampiamente condivisa non solo dal Consiglio comunale, ma da buona parte della società civile e dalle parti sociali. Particolare rilevanza – hanno aggiunto i due Mancuso, Battaglia, Consolante e Talarico – avrà infatti l’intervento degli ordini professionali e delle associazioni. Giovino può diventare un’occasione di sviluppo turistico della città, ma non sarà mai una zona in cui portare avanti solo l’interesse di pochi”.