Città di CATANZARO

Capoluogo della Regione Calabria

URP

Via Jannoni tel. 0961 881398 numero verde 800574323
fax 0961 881398
e-mail: urp@comunecz.it
PEC: urpcz@certificata.comune.catanzaro.it
Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13,00
lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

Il Comune
    Palazzo De Nobili via Iannoni, 68
    88100 CATANZARO
    P. Iva 00129520797

15 Marzo 2019 - Manuela Costanzo: Aggressioni Pronto soccorso, serve vigilanza armata fissa

“Le aggressioni che si sono registrate nelle scorse ore al Pronto soccorso hanno riportato al centro dell’attenzione una problematica seria come quella della sicurezza e dell’incolumità del personale in servizio all’ospedale Pugliese-Ciaccio”. Lo afferma la consigliera comunale di Obiettivo Comune, Manuela Costanzo. “Proprio alla fine dello scorso anno – continua - altre aggressioni si erano consumate all’interno del Pronto soccorso e il sindaco Sergio Abramo, nel rapporto di collaborazione e di confronto instaurato con l’azienda ospedaliera, aveva invitato la direzione a valutare l’istituzione di un servizio di vigilanza armata fisso nella struttura. Purtroppo quella proposta è rimasta lettera morta e oggi il problema si ripropone con estrema urgenza. C’è da dire, nel caso specifico, che ogni giorno si contano centinaia di accessi come codici bianchi la cui gestione è particolarmente critica per evidenti lacune organizzative e strutturali. Da una parte, non viene assolutamente rispettata la privacy dei pazienti poiché, appena varcata la porta di accesso in corsia, chiunque si trova davanti la piccola postazione in cui opera il medico di codice bianco. Un problema che comporta evidenti disagi dal punto di vista della riservatezza di chi viene sottoposto a cure e controlli e, di conseguenza, della sicurezza di tutti coloro che operano al Pronto soccorso. Ribadendo quanto chiesto a suo tempo dal sindaco, l’azienda deve al più presto intervenire garantendo una vigilanza fissa per evitare il protrarsi di altri episodi del genere e preservando la professionalità e l’incolumità di professionisti e pazienti. Le misure fin qui adottate dalla direzione generale e dal direttore del dipartimento – conclude Costanzo - sono state sicuramente inadeguate, cosa si aspetta per porre rimedio? Chi tutelerà i  medici e gli infermieri dal rischio per la propria incolumità sul luogo del lavoro?”.