Città di CATANZARO

Capoluogo della Regione Calabria

URP

Via Jannoni tel. 0961 881398 numero verde 800574323
fax 0961 881398
e-mail: urp@comunecz.it
PEC: urpcz@certificata.comune.catanzaro.it
Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13,00
lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

Il Comune
    Palazzo De Nobili via Iannoni, 68
    88100 CATANZARO
    P. Iva 00129520797

07 Marzo 2018 - Poker d'assi al Politeama per "Sogno di una notte di mezza estate"

Un cast di altissimo livello, con quattro attori di cinema e tv molto amati dal pubblico, una regia innovativa e geniale di Massimiliano Bruno, musiche di grande impatto.

E’ questa la ricetta di uno degli spettacoli di punta della stagione del Politeama, “Sogno di una notte di mezza estate”, in programma sabato sera, 10 febbraio.

Uno spettacolo a lungo inseguito, non senza qualche difficoltà, dal sovrintendente Gianvito Casadonte che del regista Massimiliano Bruno è grande estimatore.

Il poker d’assi calato da Bruno è formato dalla splendida Violante Placido (nel doppio ruolo di Ippolita e Titania), da Giorgio Pasotti (anch’egli in un doppio ruolo, quello di Oberon e Teseo), Stefano Fresi e Paolo Ruffini (interpreta Puck).

Il “Sogno di una notte di mezza estate” è uno spettacolo bello, gradevolissimo, a cui il dono visionario e per certi versi geniale della regia regala un tocco affascinante di novità, inserita nel gioco teatrale che mantiene lo spirito shakespeariano, esaltandone l’aspetto grottesco, libero da rigidità, leggero.

Un’operazione vincente, con un cast importante che non tradisce le attese e che si cala perfettamente in questa follia circense, coloratissima e sostenuta da un gran ritmo che fa volare le due ore di rappresentazione, tanto che quasi dispiace abbandonare la platea.

Il sogno di Shakespeare è messo in scena con sorprendenti innovazioni come possono esserle le musiche travolgenti e giovani di Roberto Procaccini, le scene e le coreografie di grande bellezza e impatto visivo eccezionale a cura di Annalisa Aglioti, che è anche una bravissima Fior di Pisello, fata dei boschi, le sorprendenti rivisitazioni dei ruoli.