“Legalità e sicurezza”, riunione Commissioni politiche sociali e affari generali

Riunione congiunta delle commissioni politiche sociali e affari generali, presiedute rispettivamente da Rosario Lostumbo e da Ezio Praticò, presenti gli assessori: Caterina Salerno e Giampaolo Mungo. Nel corso dei lavori è stato preso in esame il progetto integrato di sviluppo regionale “legalità e sicurezza in Calabria” previsto e disciplinato nell’ambito dell’Asse IV del POR Calabria FESR 2007-2013 riservato alle aree caratterizzate da maggiore pervasività e rilevanza dei fenomeni criminali. Il protocollo d’intesa per la costituzione del partenariato di progetto è finalizzato alla realizzazione del contratto di sicurezza della provincia di Catanzaro, l’ambito è costituito dai Comuni di: Borgia, Botricello, Catanzaro, Chiaravalle, Curinga, Decollatura, Falerna, Girifalco, Guardavalle, Lamezia Terme, Montepaone, Petronà, Sellia Marina, Soverato, Squillace, Vallefiorita Alla riunione era anche presente il dirigente del settore politiche sociali di palazzo de Nobili, Antonino Ferraiolo e Gian Luca Silipo della Catanzaro servizi. L’assessore Salerno ha spiegato i dettagli del progetto, gli obiettivi, la strategia e le azioni che si prefigge il progetto di partenariato in tema di politiche per la sicurezza e la legalità e che si inquadrano nel diverso contesto della coesione e dell’inclusione sociale.

“Tutte le operazioni inserite nei Contratti Locali di Sicurezza – ha spiegato l’assessore Salerno – devono essere integrate, complementari e sinergiche tra loro, e devono dare vita ad un sistema completo caratterizzato da una chiara idea unitaria che si sviluppa su determinate tipologie di intervento”. I componenti le due commissioni hanno sviluppato un ampio e articolato dibattito sulle proposte da inserire nel protocollo d’intesa con il quale vengono definiti gli impegni di ciascun soggetto in relazione agli obiettivi, ai contenuti e alla proposta del contratto locale di sicurezza. Tra le proposte l’intervento di riqualificazione dell’ex scuola penitenziaria e dell’area a verde attrezzato annessa da adibire a centro di formazione professionale, per l’infanzia, di prevenzione sanitaria, di aggregazione e sportello informativo. Un secondo intervento è finalizzato alla ristrutturazione di un immobile confiscato alla mafia. Un terzo obiettivo è la realizzazione di un fabbricato e di opere di integrazione urbanistica, nel quartiere Pontepiccolo, da destinare ad impianti sportivi da destinare a centro di aggregazione sociale e formazione per le professione sportive.
“L’obiettivo primario dei contratti locali di sicurezza – ha aggiunto Mungo – sarà quello di garantire migliori condizioni di sicurezza a cittadini . La legalità, infatti, rappresenta precondizione essenziale per realizzare sviluppo, occupazione e tutelare la libertà delle persone. La presenza delle organizzazioni criminali – ha concluso – riduce drasticamente la ricchezza dei territori, scoraggia gli investimenti privati. Da qui gli interventi pubblici mirati a creare le migliori condizioni di vivibilità e di qualità della vita nelle aree maggiormente svantaggiate del territorio”. Il protocollo d’intesa passa ora all’esame del Consiglio Comunale.

torna all'inizio del contenuto

Comune di Catanzaro

torna all'inizio del contenuto