Notizie

8 Ottobre 2018

Riccio: Senza memoria storica nessun futuro per i giovani

Dichiarazione di Eugenio Riccio:
 
C’è una sorta di sortilegio su questa città. Si chiama dimenticanza. Con scelte urbanistiche  scellerate si cancella spesso la storia, mentre l’ignoranza dei fatti (nel senso  di ignorare) fa perdere molte occasioni . Ad esempio è abbastanza probabile che Catanzaro non sarà tra le città che festeggeranno il 4 novembre il centenario della vittoria nella Grande Guerra. Perché? Semplicemente perché non si è sufficientemente informati soprattutto del fatto che tutta Italia si sta organizzando. 
Il 4 novembre prossimo ricorreranno 100 anni dalla fine della Prima guerra mondiale, conflitto che ha reso possibile l’unità nazionale, sia pure al prezzo di centinaia di migliaia di morti. Non c’è famiglia che non abbia avuto caduti. Anche il presidente Mattarella ne ha parlato nel discorso di fine d’anno. La ricorrenza è però stata soppressa nel 1977 come festività. Sarebbe bello che, almeno per questa volta, la ricorrenza venisse solennizzata in modo particolare, affinché tutti, specialmente i giovani, ricordino il significato nei suoi molteplici aspetti e meditare. Sarebbe bello se qualcuno in questa città ci avesse pensato . Ma al momento nessuna notizia in tal senso . E allora sindaco Abramo , le chiediamo il permesso di poterlo fare noi . Un gruppo di amanti della storia , della storia di Catanzaro nella storia nazionale, un gruppo di cittadini che ancora pensa che l’identità passa dalla consapevolezza di se’ e la consapevolezza passa dalla conoscenza e dalla cultura..

Comune di Catanzaro

torna all'inizio del contenuto